chi siamo - la camorra, vista & rivista

Vai ai contenuti

Menu principale:

chi siamo

il progetto

Un gruppo tra giornalisti, filosofi, intellettuali, artisti, alunni e insegnanti, scuole e forze dell'Ordine, professionisti ed associazioni; un comitato scientifico con docenti univeritari, dirigenti, magistrati, questori, avvocati e la fondazione Polis con tutto il suo impegno.


Il progetto "la camorra, vista & rivista" è stato presentato ufficialmente martedì 8 maggio 2012, alle 18.30, presso l’Appartamento storico del Domenichino al Museo del tesoro di San Gennaro in via Duomo a Napoli, con il primo numero cartaceo de "La camorra, vista & rivista" , studi, storie ed attualità di camorra, camorristi, legalità, resistenze civili, buoni e cattivi costumi. C'era il sociologo Amato Lamberti, amico carissimo che ha usato e scritto per l'avvio del progetto parole di grande incoraggiamento e si è commosso quando ha voluto ricordare la coincidenza di due date: l'8 maggio 2012 e lo stesso maggio del '82 quando veniva presentato il suo Osservatorio anticamorra. Ora Amato Lamberti non c'è più ma il lavoro di questo progetto sarà anche il frutto e lo stimolo del suo impegno e della sua memoria. C'era e c'è con noi il filosofo Aldo Masullo intellettuale e soprattutto mente sagace che ha guardatoe  guarda el cose della sua città con grande ibertà ed acume essendo fuori da ogni logica di potere o di potentato. C'era e c'è Paolo Siani, fratello del grande Giancarlo Siani di cui ha raccolto con grande entusiasmo e passione l'eredità morale e l'impegno civile nella fondazione che porta il nome di Giancarlo e con "Polis".


C'era il questore di Napoli Luigi Merolla che profuse parole d'incoraggiamento e di partecipazione al progetto; c'era Andrea Curtale, dirigente capo della Squadra Mobile di Napoli assieme a molti suoi colleghi che hanno collaborato al primo numero della rivista e all'avvio del progetto stesso; c'era Paolo Jorio, giornalista e direttore del Museo del tesoro di San Gennaro che ci ha ospitato animando il dibattito con grande entusiasmo. C'era il docente di diritto penale Vincenzo Maiello che ha riflettuto aspetti importanti sul tema della repressione come della prevenzione e sul diritto di ciascuno a ritenersi e sentirsi parte della lotta al crimine organizzato. C'era il cantautore Filippo Schisano, casalese perbene che ha scritto testi e musica d'impegno civile. E' stato il primo passo di un cammino che ci portarà verso un obiettivo comune: la lotta al crimine organizzato e l'affermazione di una cultura civile che ci rende tali e rende a ciascuno pari possibilità di riuscire nel bene.


Il comitato redazionale che si sta componendo, accanto e assieme a quello scientifico, annovera molti altri ed importanti nomi. Li potrete leggere a seguire. Nel frattempo se avrete osservazioni, interazioni, proposte e anche il convicimento ad entrare nel progetto "la camorra vista & rivista" aspetterò una vostra mail a questo indirizzo con i riferimenti e i dati per raggiungervi in qualche modo.


____________________________________________________________________________


Fondata e diretta da Francesco De Rosa


Comitato di redazione:  
Mariarosaria Alfieri, Giuseppe Auriemma, Giovanni Basile, Stefania Bellezza, Salvatore Buglione,
Angela De Falco, Antonio De Michele, Noemi De Rosa, Marco De Scisciolo, Luigi Esposito, Paolo Iorio,
Roberta Paparo, Fiorella Saviano, Giovanna Scala, Louis Siciliano, Debora Scotto di Rinaldi, Lucia Vaccaro.

____________________________________________________________________

Comitato scientifico:
Vincenzo D’Onofrio, Beniamino Depalma, Danilo Iervolino, Ottavio Lucarelli,  Paolo Mancuso, Massimiliano Manfredi, Guido Marino, Aldo Masullo, Vincenzo Maiello, Francesco Minicuci, Giorgio Russo,
Paolo Siani, Edoardo Scognamiglio.






 
Torna ai contenuti | Torna al menu